Storia e Territorio

Gallicano è uno degli insediamenti della fascia pedemontana dei Monti Prenestini, situato
in una posizione molto pittoresca, fra le gole di due torrenti, traversate dagli archi dell’Acquedotto Claudio.

Ha origini remote, confermate dai resti di un’antica strada romana (vd foto) e dai numerosissimi reperti storico-archeologici che ancora oggi si possono trovare sui colli
che lo circondano.

Un territorio inciso profondamente nel tempo dall'erosione dei corsi d'acqua, per la maggior parte a carattere torrentizio, che, discendendo dalle cime collinari, si ramificano
a valle, producendo profondi solchi nel terreno e lunghi speroni che si diradano in ampi terrazzamenti.
Gallicano nel Lazio
Prenestina Antica
L'abitato di Gallicano è tutto posto su un colle di tufo litoide a 251 metri sul livello del mare, fra due torrenti e si unisce, come un istmo verso Est, alla frangia che si prolunga verso Palestrina, a Ovest, fino all’Aniene, frastagliato da numerosi scogli. Ciò che risalta le sue caratteristiche di punto inespugnabile, è l’ubicazione su un colle di tufo oblungo, affacciato a nord-est su due valloni che riprendono quota trasformandosi rispettivamente in un terrazzamento naturale alla stessa altimetria del paese, e in un pianoro leggermente rialzato sul corso del fiume.
Chiesa San Rocco Il sito, scelto nell'atto fondativo per il doppio sistema di difesa naturale che lo caratterizza, i due fossi e le pareti scoscese dello scoglio tufaceo, è l'elemento di riferimento costante della struttura urbana, in ognuna delle varie fasi di sviluppo. Infatti, per quanto riguarda l’urbanistica gallicanese, risulta decisivo il ruolo svolto dall'asse viario e dalle altre strade maggiori e il rapporto che con questo stabiliscono gli edifici più importanti nel nucleo più antico. L'asse principale si snoda in linea dorsale da cui, a pettine, si ramificano le strade di penetrazione al tessuto residenziale: la Chiesa di San Rocco è centrale a questa posizione dell'abitato.
Palazzo Baronale
Fra il Palazzo Baronale e la Chiesa di Sant'Andrea Apostolo sta il Borgo Rospigliosi con le due quinte edilizie continue. Infine, l'ultimo segmento dell'insediamento, organizzato negli spazi derivati dallo sdoppiamento della direttrice principale. L'antico insediamento di Gallicano nel Lazio sicuramente si trovava all'interno del perimetro che competeva l'area della Villa di Cesare che si estendeva fra le vie Prenestina e Casilina, e delle altre ville patrizie che le facevano da corona. Dopo alterne vicende fu definitivamente sottomessa dai Romani nel 417 a. C.,
 Chiesa Sant'Andrea Apostolo

condotti da Furio Camillo. Qui vi ebbe un fondo il nobile Gallicano, console e amico di Costantino il Grande, da cui probabilmente deriva il nome moderno.

Nel sec. X Gallicano è già un castello, come risulta dal diploma di Ottone III, che ne conferma l'attribuzione al Convento di S. Andrea al Celio. Questa conferma è poi rinnovata da Giovanni XVIII (1005), Benedetto VIII (1015) e Leone IX (1051).

Nel sec. XI, dopo una breve appartenenza al Monastero di S. Paolo (bolla di Gregorio VIII del 1081), ritorna al Convento di S. Andrea al Celio.

Durante i secoli XII e XIII, divengono signori i Colonna per i servigi resi a Pasquale II nella lotta delle investiture.

All'inizio del XV secolo sono signori di Gallicano Giovanni e Niccolò Colonna, che tentano invano di espugnare Roma con alterne vicende fino al 1435, anno in cui si perviene ad un accordo di pace fra gli Orsini, i Colonna e il Pontefice. Ma già l'anno successivo il trattato viene infranto: Lorenzo Colonna si allea con i Savelli per espugnare Roma. Giovanni Vitelleschi, inviato dal Papa a sedare la rivolta, sconfigge i Colonna e i Savelli, li insegue fin nelle loro terre ed espugna Passerano, Gallicano, Zagarolo e S. Giorgio. In seguito Gallicano ritorna nuovamente in possesso dei Colonna che si riappacificano con il Papa Eugenio IV. Nel 1622 Pierfrancesco Colonna vende Gallicano al Cardinal Ludovisi, che a sua volta lo rivende nel 1670 a G.B. Rospigliosi, passando successiva mente da questi al suo secondogenito del ramo Pallavicini-Rospigliosi.

Fino al 1848 Gallicano resterà ai Pallavicini-Rospigliosi, anno in cui questi sono costretti a cederlo a Pio IX.

 

In evidenza

 CONSULTA ALLEGATO PER CONOSCERE ORARI E MODALITA' DI RICEVIMENTO

 A far data dal giorno 11 giugno 2020, le attività della biblioteca comunale “ALBIO TIBULLO”, verranno riprese limitatamente all’erogazione dei prestiti ovvero alla restituzione degli stessi previo allestimento all’ingresso della biblioteca di uno spazio di contatto tra operatori e utenza, delimitato da barriere fisiche adeguate a prevenire il contagio da COVID-19 presso il quale sono messe a disposizione di operatori addetti ed utenti soluzioni idro-alcoliche per l’igiene delle mani e garantita una regolare igienizzazione.
Le attività verranno garantite come da seguente orario:
LUNEDI’ dalle ore 9:00 alle ore 14:00
MARTEDI’ dalle ore 14:00 alle ore 18:00
GIOVEDI’ dalle ore 9:00 alle ore 14:00

 Con ordinanza n.54 assunta in data odierna è stata disposta la ri apertura degli impianti di distribuzione dell'acqua alla spina.
Consulta l'allegato

 Nel periodo dal 17 GIUGNO 2020  al 30 GIUGNO 2020 al fine di procedere ad una riorganizzazione dei servizi demografici (anagrafe/stato civile),  nell’ottica del miglioramento dell’efficienza degli stessi, gli appuntamenti per l’erogazione dei servizi in presenza nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì verranno assegnati solo per esigenze urgenti ed indifferibili  telefonando al  n. 06.9546.0093+interno 1 diretto 06.87780381. 
Potrà essere utilizzato anche il Fax:06.9546.0043 o i seguenti indirizzi di posta elettronica:
 l.segnalini@comune.gallicanonellazio.rm.it ;
 gallicanonellazio@gmail.com;
 Lo Stato civile resta comunque disponibile per le registrazioni  degli atti di morte e di nascita.
Si ritiene al riguardo utile evidenziare che  l'Art. 104 del  DECRETO-LEGGE 17 marzo 2020, n. 18 ad oggetto Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19. (20G00034) (GU Serie Generale n.70 del 17-03-2020) convertito con convertito con modificazioni dalla L. 24 aprile 2020, n. 27 (in S.O. n. 16, relativo alla G.U. 29/04/2020, n. 110) ha previsto  la Proroga della validità' dei documenti di riconoscimento  al 31 agosto 2020.  
Si ringrazia per la collaborazione

 AVVIO CENTRO ESTIVO

Il centro è aperto a tutti i bambini dai 4 ai 14 anni residenti sul territorio. Il centro sarà aperto tutti i giorni dalle ore 8.30 alle ore 12.30.
 
Il luogo di raduno e di iscrizione sarà presso LOCALI LUDOTECA ISTITUTO COMPRENSIVO e AREA VERDE LA VIGNACCIA
Le Attività saranno per piccoli gruppi e gli ingressi contingentati e dislocati su diverse aree per evitare assembramenti.
 
Sarà rilevata la temperatura al momento dell’accesso e registrata la presenza.

Le Iscrizioni dal 7 al 10 luglio 2020 saranno effettuate on-line scaricando i moduli allegati che dovranno essere inviati  al seguente indirizzo di posta elettronica: centroestivogallicanonellazio@leginestreonlus.it.

  INDICARE IL PERIODO DI FREQUENTAZIONE SCELTO:
o 15 luglio -24 luglio 2020
o 27 luglio -31 luglio 2020
o 3 agosto - 11 agosto 2020

Si consiglia di optare per periodi continuativi per favorire al meglio la creazione di gruppi stabili. 
 
Le iscrizioni verranno perfezionate il 13 e 14 luglio dalle 14.30 presso i locali della ludoteca  durante la giornata dedicata all'incontro con le famiglie come previsto da Dpcm del 13 giugno 2020.

Per informazioni:
Cooperativa Sociale Le Ginestre Onlus: 06/9584296